Cosa è FSP POLIZIA DI STATO

FSP Polizia di Stato – già UGL Polizia di Stato

UGL FSP Polizia di Stato è una delle organizzazioni maggiormente rappresentative nel panorama sindacale della Polizia di Stato.

Vanta migliaia di associati ed è presente con proprie strutture nella quasi totalità delle province e delle regioni italiane.
E’ nata dall’unione di tre storiche sigle sindacali: Lisipo, Sodipo e Rinnovamento Sindacale i cui aderenti, recependo la forte richiesta di unità che veniva dalla “base”, dapprima si sono costituiti in una Federazione (la Federazione Sindacale di Polizia, meglio nota come F.S.P.), poi hanno compiuto un passo che non ha eguali nel panorama sindacale della Polizia di Stato: l’unificazione e la creazione di “UGL FSP Polizia di Stato”.
UGL FSP Polizia di Stato è il prodotto di un forte progetto di rinascita sindacale che, ereditando e fondendo valori, culture, intelligenze e passioni delle donne e degli uomini che ne fanno parte, rappresenta un punto di riferimento per il potenziamento dell’attività di tutela dei diritti del personale della Polizia di Stato.

Persegue lo sviluppo dei diritti e delle libertà democratiche di tutti i poliziotti per il raggiungimento di più eque ed elevate condizioni professionali, culturali, economiche e sociali nonché la conquista di migliori strumenti di azione sindacale, quale principale forma di autotutela dei poliziotti.

Attraverso i propri organi ufficiali, affronta i maggiori temi sindacali e della sicurezza, proponendo un modello di poliziotto moderno ed attento alla continua evoluzione della società in cui viviamo ed operiamo.

L’ UGL FSP Polizia di Stato, sindacato rappresentativo di donne e uomini della Polizia di Stato, ha cambiato denominazione in FSP Polizia di Stato – già UGL Polizia di Stato dal 13 aprile 2018.

Il cambio di denominazione si è reso necessario per evidenziare la distinzione con la confederazione UGL, con la quale già da 4 anni avevamo interrotto ogni rapporto di collaborazione, e per far cessare i numerosi contenziosi attivati in modo del tutto strumentale sia in sede penale che civile, solo per tenere ferma una denominazione i cui principi ispiratori sono venuti meno da tempo.
Si è conclusa un’esperienza sindacale, alla quale comunque siamo grati per averci consentito di far approdare nel dibattito confederale nazionale temi della sicurezza a noi più cari, nonché le speranze, le aspettative, i diritti e le necessità degli uomini e delle donne in divisa, coniugati con i più generali bisogni del Paese, e ora vogliamo investire sul nostro futuro recuperando le solide fondamenta del nostro passato e nella casa comune FSP Polizia di Stato (già UGL Polizia di Stato) continuare ad onorare gli impegni assunti con ciascuno dei nostri iscritti.

Cambia la denominazione ma restiamo sempre noi, donne e uomini che hanno reso grande sano robusto e credibile questo Sindacato accompagnandolo in una crescita costante negli ultimi sei anni fino a superare i 9000 iscritti a livello nazionale.